Corrective Taxes and Uniform Standards: Different Policies and Different Targets* Academic Article uri icon

  •  
  • Overview
  •  
  • Identity
  •  
  • Additional Document Info
  •  
  • View All
  •  

abstract

  • Abstract Gli economisti hanno spesso sostenuto che, per ragioni di efflcienza, le imposte dovrebbero sostituire i controlli diretti (standards) al fine di modificare l’allocazione di risorse derivante dal fallimento del mercato.Mediante un semplice modello di equilibrio parziale si esaminano gli effetti alternativi dell’imposizione e dei controlli diretti sulle attività di un’industria che genera inquinamento. Si dimostra la validità della tesi tradizionale circa gli effetti delle imposte. Sono, inoltre, ottenuti nuovi risultati con riferimento ai controlli diretti. Mentre si conferma che le imposte sono preferibili ai controlli diretti sulla base di considerazioni di benessere (dato che i benefici netti sono maggiori in caso d’imposizione), i controlli diretti possono talvolta dar luogo a risultati inferiori a quelli che si verificherebbero qualora non vi fosse alcun intervento.Queste conclusioni valgono sia per mercati perfettamente concorrenziali, sia per mercati che non lo sono.

publication date

  • April 1, 1987